Cronaca
Asti

La polizia ritrova collana scippata a 70enne

Stampa Home
Articolo pubblicato il 29/06/2016 alle ore 05:00.
polizia scippo collana pensionata nomade rom Asti 2016
(immagine di repertorio)

Grazie all’intuito di due poliziotti della Questura astigiana una pensionata ha potuto rientrare in possesso della collana che le era stata scippata in città appena qualche giorno fa.

Giovedì scorso gli agenti hanno notato una nomade rom, il cui volto già conoscevano, entrare in un negozio di vendita di oro usato. L’hanno seguita e le hanno sequestrato una collana di valore. La foto di quel gioiello pubblicato attraverso le pagine del giornale venerdì scorso ha fatto sì che la signora potesse vederlo: ieri mattina, lunedì, la signora si è presentata in Questura chiedendo di poter vedere la collana, per rendersi meglio conto se fosse davvero la sua, e portando anche una fotografia di lei con indosso proprio quella stessa collana.

La polizia non ha avuto dubbi e il maltolto, dopo la spiacevole esperienza subita, è stato restuito alla sua proprietaria. La donna era stata vittima di uno scippo mentre percorreva a piede via Baudoin. Era uscita per alcune commissioni, quando era stata avvicinata da uno sconosciuto.

m.m.t.

Tags: Scippo,polizia,Pensionata

Cronaca

  • Slot spente vicino a scuole e chiese

    22-11-2017
    Stando alla norma, non potranno essere operative le macchinette che rientrano in un raggio di 500 metri da un luogo “sensibile” (come scuole,...
  • Dopo 75 anni scopre il nome della madre

    22-11-2017
    Come per questa ricerca, partita solo qualche anno fa grazie all'entusiasmo e alla determinazione di Cristina, in cui ha fatto capolino una foto di classe,...

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport

  • Addio a "Ughetto" Perosino

    21-11-2017
    Personaggio amato da tutti in città, sportivi e non, era un ex dipendente comunale, negli anni aveva svolto il ruolo di bagnino 
  • Crollo Nazionale i mali e la cura

    15-11-2017
    Ora che la batosta è arrivata chissà se avremo il coraggio di voltare pagina, lavorare su un'identità precisa rinunciando alle cariatidi...