Attualità
Asti

Fratelli d'Italia: «La sicurezza è una priorità»

Stampa Home
Articolo pubblicato il 20/02/2017 alle ore 08:39.
Fratelli d'Italia: «La sicurezza è una priorità» 3
Fratelli d'Italia: «La sicurezza è una priorità»

Ha suscitato molto interesse tra i cittadini il convegno organizzato da Fratelli d'Italia sezione di Asti sul delicato tema della sicurezza in città.

Secondo i rappresentanti del partito: «Quello che è mancato alla città sotto la giunta Pd è il controllo del territorio e la pressione nei confronti di governo e prefetto per avere un servizio di maggiore efficacia». All’incontro hanno partecipato il consigliere comunale Marcello Coppo , che ha presentato numerose interrogazioni a tema sicurezza, dallo sgombero del campo nomadi di via Guerra alla richiesta di intervento dell'esercito per un maggiore controllo del territorio in questi ultimi quattro anni.

«A febbraio 2016 ho chiesto al sindaco e all'assessore alla sicurezza se era disposto a richiedere l'intervento dell'esercito per presidiare il territorio. mi è stato risposto che non ve ne era la necessità. Dopo poche settimane, Il sindaco di Milano (dello stesso schieramento politico PD) ha richiesto e ottenuto l'esercito per pattugliare la sua città».

Altro aspetto su cui il consigliere ha concentrato molte delle interrogazioni sono le spese non pagate dei campi nomadi: «Su questo punto sono riuscito (nonostante l'iniziale derisione di molti dopo le prime interrogazioni) a far votare all'unanimità il Consiglio comunale sulla eliminazione degli accampamenti: un risultato che parla da sé è che vuole essere uno dei punti di forza del nostro programma. La premessa è di riuscire a sgomberarli e chiuderli quanto prima».

 L’ex vice sindaco Sergio Ebarnabo è intervenuto per fare luce su ciò che è stato fatto in passato durante la sua esperienza amministrativa:

«Si sta alimentando una certa sfiducia verso le istituzioni e nelle forze dell’Ordine - commenta – e la situazione attuale porta grave danno alla città, sia in termini di incolumità fisica e patrimoniale che di economia locale. Occorre mettere in campo interventi mirati e attuare una linea dura per avere il controll del territorio lasciato allo sbando e tutelare gli astigiani». 

 Grazie agli interventi di Paolo Bassi, Cirone Federico, Vittorio Massa e Roberto Venturini, si è fatto notare «quanto in città ci siano paura e degrado». 

Per questo, sono state proposte alcune azioni come: monitorare l' afflusso degli immigrati e profughi per le strade e occorre farsene carico, limitando le occupazioni illegittime di edifici cittadini.

«Questo va a discapito di anziani e persone in difficoltà - ha dichiarato Ebarnabo - La nuova amministrazione deve essere sostenuta per intervenire sulla situazione,  i vigili urbani devono fare prevenzione perché hanno il potere di controllare l'identità di chi non vive secondo le regole e quindi di allontanarli».

Presente anche il candidato a sindaco Maurizio Rasero, che ha commentato: «In questo momento, da candidato, sento il sostegno di Fratelli d'Italia di Asti, i primi a permettermi di presenziare in questo convegno pubblico che affronta senza mezze misure un problema che danneggia gli astigiani e che sarà un elemento chiave all'interno del programma  elettorale».

Tags: asti,sicurezza,Fratelli d`Italia,elezioni 2017,maurizio rasero

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport

  • Addio a "Ughetto" Perosino

    21-11-2017
    Personaggio amato da tutti in città, sportivi e non, era un ex dipendente comunale, negli anni aveva svolto il ruolo di bagnino 
  • Crollo Nazionale i mali e la cura

    15-11-2017
    Ora che la batosta è arrivata chissà se avremo il coraggio di voltare pagina, lavorare su un'identità precisa rinunciando alle cariatidi...