Sport
Moncalvo e nord

Colline Alfieri DB, corsa al salto di categoria

Il Colline si presenterà con la formazione sostanzialmente al completo, l’unico nodo da sciogliere riguarda il portiere

Stampa Home
Articolo pubblicato il 22/05/2016 alle ore 04:20.
Il Colline Alfieri di mister Moretti è pronto a lottare per il sogno Eccellenza
Il Colline Alfieri di mister Moretti è pronto a lottare per il sogno Eccellenza

Playoff in vista per il Colline Alfieri. Domenica pomeriggio al “Micco” di Moncalvo, arriva l’Atletico Torino, quarto al termine del campionato. Un avversario che i ragazzi di Moretti conoscono perfettamente, avendolo affrontato ben quattro volte. Il bilancio per ora è in perfetta parità (duplice vittoria per i torinesi in campionato, idem per i salesiani in Coppa Italia), ma l’equilibrio dovrà spezzarsi domenica: anche in caso di pareggio dopo 120’ a passare il turno sarà la squadra meglio piazzata al termine del campionato, il Colline. Un piccolo vantaggio, su cui comunque la storia recente ha insegnato che è bene non fare troppo affidamento.

Il Colline si presenterà con la formazione sostanzialmente al completo, l’unico nodo da sciogliere riguarda il portiere vista la già prevista assenza di Brustolin per questa partita. L’Atletico Torino, pur avendo maggiore fisicità in mezzo al campo, non è superiore ai gialloblù e se entrambe non hanno chiuso la regular season in crescendo, i torinesi hanno fatto peggio nell’ultimo terzo di stagione con appena tre vittorie nelle ultime dieci partite. «Affrontiamo i playoff con serenità, sapendo che i ragazzi hanno già fatto qualcosa di straordinario – scandisce il ds Barnaba – è stata una stagione lunga e dispendiosa, ma proveremo sicuramente a passare questo primo turno».

Sono giorni caldi dunque per la preparazione a un match da dentro o fuori, ma anche il fronte societario richiama molta attenzione. Le voci di corridoio che parlano di trattative in corso per valutare un’ipotesi di fusione col San Domenico per la prossima stagione sono fondate, tant’è che la parti dovrebbero essersi riunite attorno a una scrivania nelle scorse ore. L’interesse a quanto pare è reciproco, ma molti (forse troppi?) sono i tasselli da incastrare a stretto giro di posta per creare un’unica società, in grado di allestire un’unica prima squadra (per l’Eccellenza o la Promo?), cercando un accordo per quanto riguarda i rispettivi settori giovanili.

Luca Parena

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport