Cronaca
Asti

Caso Novara: chi sa, parli in Procura

Stampa Home
Articolo pubblicato il 22/03/2017 alle ore 08:05.
Caso Novara: chi sa, parli in Procura 3
La presentazione del libro "Anatomia di un delitto" a Cisterna

Le questioni irrisolte prima o poi tornano a galla ed è bastato il libro inchiesta di Stefano Cattaneo e Marilina Veca per riaccendere la voglia di verità sulla morte di Maria Teresa Novara, la bambina di 13 anni di Cantarana rapita dalla casa degli zii a Villafranca, tenuta segregata, fatta prostituire alla cascina Barbisa di Canale d’Alba per otto mesi e ritrovata morta per asfissia dopo l’annegamento del suo carceriere nel Po.

Una storia che ancora oggi, a quasi cinquant’anni dai fatti, grida vendetta. Tanto che uno degli autori del libro “Anatomia del delitto” (edizioni Kimerik) nell’estate scorsa ha fatto una richiesta di apertura delle indagini alla Procura di Asti.

Una richiesta che non è caduta nel vuoto ma è stata raccolta ed assegnata al pm Laura Deodato, la stessa del complesso processo Buoninconti.

La Procura è pronta ad accogliere le rivelazioni di chi volesse, anche in forma anonima, consentire un avvicinamento alla verità.

Continua la lettura sul giornale in edicola, o acquista la tua copia digitale

Daniela Peira

Tags: Maria Teresa Novara,procura di asti,cronaca,asti

Cronaca

  • Slot spente vicino a scuole e chiese

    22-11-2017
    Stando alla norma, non potranno essere operative le macchinette che rientrano in un raggio di 500 metri da un luogo “sensibile” (come scuole,...
  • Dopo 75 anni scopre il nome della madre

    22-11-2017
    Come per questa ricerca, partita solo qualche anno fa grazie all'entusiasmo e alla determinazione di Cristina, in cui ha fatto capolino una foto di classe,...

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport

  • Addio a "Ughetto" Perosino

    21-11-2017
    Personaggio amato da tutti in città, sportivi e non, era un ex dipendente comunale, negli anni aveva svolto il ruolo di bagnino 
  • Crollo Nazionale i mali e la cura

    15-11-2017
    Ora che la batosta è arrivata chissà se avremo il coraggio di voltare pagina, lavorare su un'identità precisa rinunciando alle cariatidi...