Economia e lavoro
Asti

Casa di Riposo di Asti: nessun licenziamento

Stampa Home
Articolo pubblicato il 10/05/2017 alle ore 06:20.
Casa di Riposo: nessun licenziamento 3
La Casa di Riposo "Città di Asti"

Nessun licenziamento tra gli addetti alle pulizie presso la casa di riposo “Città di Asti” (ex Maina). E’ stato infatti firmato l’accordo tra la nuova società appaltatrice del servizio di pulizia (l’azienda marchigiana “Papalini SpA” di Fano) e i sindacati di categoria Uiltucs Uil e Filcams Cgil.

«La questione - spiega Francesco Di Martino, segretario generale provinciale Uiltucs Uil - è che, dopo aver vinto l’appalto, l’azienda ha presentato una riduzione del monte ore dei 16 lavoratori, tra cui alcuni a tempo pieno e altri (la maggioranza) part time. Una riduzione consistente, pari al 44% del totale, insostenibile per lavoratori mono reddito o, comunque, il cui stipendio è fondamentale per sostenere il bilancio familiare. Tanto che, lo scorso primo maggio, alcune lavoratrici hanno preso parte e sono intervenute al corteo promosso da Cgil, Cisl e Uil. Occasione in cui hanno chiesto, con forza, l’intervento delle Istituzioni in modo da cercare ogni soluzione possibile».

Continua la lettura sul giornale in edicola, o acquista la tua copia digitale

Tags: maina,asti,accordo sindacale,Casa di Riposo citta` di Asti

Cronaca

  • Slot spente vicino a scuole e chiese

    22-11-2017
    Stando alla norma, non potranno essere operative le macchinette che rientrano in un raggio di 500 metri da un luogo “sensibile” (come scuole,...
  • Dopo 75 anni scopre il nome della madre

    22-11-2017
    Come per questa ricerca, partita solo qualche anno fa grazie all'entusiasmo e alla determinazione di Cristina, in cui ha fatto capolino una foto di classe,...

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport

  • Addio a "Ughetto" Perosino

    21-11-2017
    Personaggio amato da tutti in città, sportivi e non, era un ex dipendente comunale, negli anni aveva svolto il ruolo di bagnino 
  • Crollo Nazionale i mali e la cura

    15-11-2017
    Ora che la batosta è arrivata chissà se avremo il coraggio di voltare pagina, lavorare su un'identità precisa rinunciando alle cariatidi...