Cronaca
Canelli e sud

Canelli: 40 profughi in arrivo all’ex hotel Asti

Stampa Home
Articolo pubblicato il 25/10/2016 alle ore 08:08.
Canelli: 40 profughi in arrivo all’ex hotel Asti 2
Canelli: 40 profughi in arrivo all’ex hotel Asti

La notizia dell’arrivo di una quarantina di richiedenti asilo, che dovrebbe trovare ospitalità nell'ex hotel Asti, in un battibaleno ha fatto il giro di Canelli.

La porta d’accesso a quella che era la hall dell’albergo, con la facciata dipinta di un blu che tende a sbiadirsi, è aperta. «Stanno facendo le pulizie – commenta un residente del popoloso quartiere tagliato in due dal trafficato viale Risorgimento - Già da giovedì i dipendenti della cooperativa hanno preso possesso dei locali per rimetterli in sesto». Ci sono giovani di colore vestiti da muratori, idraulici, imbianchini, personale di pulizia.

Il sindaco Marco Gabusi, in tour elettorale tra gli amministratori pubblici a sostegno della propria candidatura a presidente della Provincia, racconta i fatti. «Una decina di giorni fa è giunta una nota della Prefettura che informava dell’arrivo, a Canelli, di quaranta richiedenti asilo».

Continua la lettura sul giornale in edicola, o acquista la tua copia digitale

Giovanni Vassallo

Tags: accoglienza,profughi,canelli,asti,marco gabusi

Cronaca

  • Slot spente vicino a scuole e chiese

    22-11-2017
    Stando alla norma, non potranno essere operative le macchinette che rientrano in un raggio di 500 metri da un luogo “sensibile” (come scuole,...
  • Dopo 75 anni scopre il nome della madre

    22-11-2017
    Come per questa ricerca, partita solo qualche anno fa grazie all'entusiasmo e alla determinazione di Cristina, in cui ha fatto capolino una foto di classe,...

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport

  • Addio a "Ughetto" Perosino

    21-11-2017
    Personaggio amato da tutti in città, sportivi e non, era un ex dipendente comunale, negli anni aveva svolto il ruolo di bagnino 
  • Crollo Nazionale i mali e la cura

    15-11-2017
    Ora che la batosta è arrivata chissà se avremo il coraggio di voltare pagina, lavorare su un'identità precisa rinunciando alle cariatidi...