Salute e Green
Moncalvo e nord

Aramengo: la piscina a biomassa è così utile?

Stampa Home
Articolo pubblicato il 18/04/2017 alle ore 08:26.
Aramengo: la piscina a biomassa è così utile? 3
Vista aerea del terreno dove dovrebbe sorgere l'impianto

Non sarà un diniego di affissione del Comune di Aramengo, per quanto stigmatizzato da più parti, a fermare il Comitato Amici di Canuto che ha indetto per mercoledì 19, alle 21, un incontro presso l’Ala comunale di Castelnuovo Don Bosco sul tema scottante dell’impianto sportivo con annessa centrale elettrica a biomassa nella frazione aramenghese.

Uno scontro dai toni sempre più accesi, quello fra l’amministrazione di Aramengo che ha già deliberato la variante urbanistica (a sua volta già licenziata anche dalla Provincia) e il gruppo di cittadini per nulla convinti del progetto e preoccupati per le ricadute in termini di salute delle persone e dell’ambiente nel caso in cui l’impianto venisse realizzato.

Uno scontro che ha consumato il suo ultimo atto con il diniego del Comune di Aramengo di affiggere in paese i volantini che danno notizia dell’incontro. In una comunicazione al Comitato, sindaco, vice sindaco e assessore parlano addirittura di un «vero e proprio tentativo di diffondere allarme sociale su larga scala» motivando il rifiuto all’affissione. Volantino che, oltre all’invito aperto a tutti gli abitanti delle colline dell’Alto Astigiano, vista l’imponenza dell’impianto, dichiara lo scopo dell’incontro: valutare le ricadute del progetto ed eventualmente proporre soluzioni alternative all’uso di quell’area in località Canuto per soddisfare esigenze che dovessero emergere come prioritarie dal confronto con chi in quelle zone ci abita.

Tanti i dubbi sollevati dal Comitato nonostante un primo incontro avvenuto qualche settimana fa con l’amministrazione e i tecnici che hanno firmato la variante.

Fra questi la valutazione di attrazione di una piscina in quella zona, considerando che le altre nelle vicinanze hanno difficoltà a mantenersi anche se con bacini di utenza più numerosi. E poi la scelta di alimentarla con una centrale a biomassa che brucia scarti vegetali. Visto che ad Aramengo è già esistente ed attivo un grande campo fotovoltaico, perchè, si chiede il Comitato, non usare quella fonte di energia lì o, in alternativa, prevedere un approvvigionamento più “pulito” come quelli da geotermia, pompe di calore, termodinamica?

Un altro punto discusso è quello sulla logistica di località Canuto, una zona piuttosto isolata. Il Comitato si chiede se sia stato fatto uno studio di impatto sull’inquinamento prodotto dai mezzi di trasporto che raggiungeranno il sito (sia quello dei fruitori della piscina, sia soprattutto quello dei camion che alimenteranno la centrale a biomassa). Polveri sottili che si andrebbero a sommare a quelle emesse dalla centrale come prodotto di combustione.

Analisi e studi che, se già presenti, non sono mai stati presentati alla popolazione. Ulteriori appunti vengono fatti sul fronte strettamente burocratico e tecnico che ha riguardato la variante.

«Il comitato è favorevole a progetti di sviluppo locale o territoriale - si legge sul volantino di invito - purchè siano condivisi con la popolazione (e in questo caso la notizia dell’impianto è emersa pochi giorni prima della scadenza termini per presentare osservazioni alla variante già approvata) e vincolati alla vocazione agricola produttiva e turistica del territorio stesso, nel rispetto delle sue tipicità e della sua incontaminata bellezza».

Daniela Peira

Tags: Aramengo,progetto Canuto,castelnuovo don bosco

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport

  • Moncalvese U12 in rosa argento tricolore

    21-06-2017
    Impresa da ricordare per le giovanissime “furie rosse” aleramiche. La formazione della Moncalvese under 12 femminile di hockey conquista infatti...
  • Calcio: è nato l'Alfieri Asti

    10-06-2017
    Il club avrà i colori biancorossi tipici dei galletti, nuovo anche il logo della società in cui figura il numero cinque in ricordo di Luca...