Fotogallery

Le Sagre di Asti - Castellero, Raccolta e lavorazione della nocciola

Le Sagre di Asti - Castellero, Raccolta e lavorazione della nocciola

Su tre carri sfila il ciclo di coltivazione e lavorazione della nocciola, dalla piantumazione delle barbatelle alla cura e alla raccolta fino alla preparazione dei piatti golosi oppure ad ulteriore lavorazione e trasformazione in olio ottenuto con spremitura a freddo. Fondenti di nocciole e croccanti di nocciole sono i piatti serviti dal paese. (Foto Ago)
Le Sagre di Asti - Villafranca, La leva

Le Sagre di Asti - Villafranca, La leva

Finalmente è arrivata la maggiore età ed è ora di fare quella che era la festa più attesa e bella, con le emozioni vissute dai giovani che ballavano, invitano le ragazze e poi si sottoponevano alla visita per andare a svolgere il servizio militare. La proloco cucina tagliatelle ai funghi porcini e bunèt al cioccolato (Foto Ago)
Le Sagre di Asti - Villanova,  Il ciclo del grano

Le Sagre di Asti - Villanova, Il ciclo del grano

Si comincia dall’aratura del terreno per passare alla semina e alla sua raccolta nei mesi più caldi dell’anno ma, per la prima volta da quando viene presentato il tema, vi è una “coda” con la panificazione, ovvero l’uso alimentare del grano. Piatti tipici a cura della proloco: Vitello tonnato, Pesche ripiene al cioccolato (Foto Ago)
Volley: Torneo delle Sagre

Volley: Torneo delle Sagre

Al Palasanquirico si è disputata la decima edizione della manifestazione sportiva, organizzata dall'Asti Volley. Primo posto per la squadra del Soverato (serie A2).
Foto: Constantin Pletosu
Le Sagre di Asti - Mongardino, ‘L martinet e l’antica fabbricazione degli attrezzi agricoli

Le Sagre di Asti - Mongardino, ‘L martinet e l’antica fabbricazione degli attrezzi agricoli

E’ il carro più imponente, con il suo antico e pesantissimo maglio che attraversa la città e, ad ogni colpo che dà, fa girare tutto il pubblico. Sopra i figuranti che sanno usarlo e quelli che lavorano alla forgia (reale) per creare zappe e vanghe che vengono regalate alle autorità. In piazza si serve risotto alla Barbera e antico mun (Foto Ago)
Le Sagre di Asti - Variglie, La pesca limonina: coltivazione, raccolta e conservazione

Le Sagre di Asti - Variglie, La pesca limonina: coltivazione, raccolta e conservazione

Per la prima volta in corteo, il paese porta la storia gloriosa della sua de.co, la pesca limonina con un particolare riferimento al modo in cui viene lavorata e messa via per l’inverno, tagliata a fettine e infilata nelle bottiglie da vino che vengono poi tappate con il sughero e bollite a bagnomaria. Pan marià e Friciulin di riso sono i piatti offerti.
Le Sagre di Asti - Viarigi, La filossera

Le Sagre di Asti - Viarigi, La filossera

Era la sciagura più temuta nelle vigne, perché rappresentava la perdita di un raccolto e dunque la fame nelle famiglie. “Importata” dall’America, la malattia veniva combattuta con zolfo, verderame e poi, soprattutto, con ferventi preghiere ad hoc. La proloco del paese serve agnolotti con sugo di arrosto.
Le Sagre di Asti - Isola, intrattenimenti di un tempo nei cortili e lungo il Tanaro

Le Sagre di Asti - Isola, intrattenimenti di un tempo nei cortili e lungo il Tanaro

Sono soprattutto i bambini a raccontare come ci si divertiva sulle sponde del fiume, inventandosi delle zattere improvvisate ma anche nelle aie dei cortili, con le pannocchie che si trasformavano in giochi oppure ancora nella realizzazione di capanne in cui nascondersi dai grandi. In piazza i piatti tipici serviti sono i Baciuà e la Frittura di lumache (Foto Ago)
Le Sagre di Asti - Grazzano Badoglio, La festa per l’arrivo del nuovo parroco

Le Sagre di Asti - Grazzano Badoglio, La festa per l’arrivo del nuovo parroco

Si rivive l’atmosfera dei primi del Novecento nella sfilata in cui la piccola comunità di Grazzano accoglie il nuovo pastore. Dai notabili ai contadini, tutti rigorosamente vestiti a festa. Il sacerdote arriva sul calesse e benedice tutti. In piazza si prepara poi Soma d’aj con vino e uva e pane arrostito con pomodoro. (Foto Ago)
Le Sagre di Asti – Refrancore, il ciclo del fagiolo

Le Sagre di Asti – Refrancore, il ciclo del fagiolo

I “fagioli dall’occhio” protagonisti del corteo che conta una settantina di personaggi . I carri presentano la semina, la fioritura estiva, la maturazione dei baccelli e la raccolta fino alla vendita al mercato e al suo utilizzo finale “in pentola”. La proloco serve poi fagioli buoni con cotica, finocchini e zabaglione, finocchini e Moscato d’Asti. (Foto Ago)
Le Sagre di Asti - Callianetto, Il ciclo della canapa

Le Sagre di Asti - Callianetto, Il ciclo della canapa

Dieci carri per raccontare il ciclo della canapa, dalla semina alla raccolta, al lavaggio, alla rottura e per finire alla sua gramolatura con attrezzi originari. Poi la pettinatura e la filatura per realizzare la stoffa a grama più grossa e altra a trama più fine. In piazza la pro loco serve gran fritto e tortino ‘d Gianduja (foto Ago)
Un piatto a sera al ristorante della Douja

Un piatto a sera al ristorante della Douja

Piatti d’autore con i migliori ristoranti e prodotti del territorio alla Douja. Qui la serata di domenica con il Ristorante Il Bagatto di Grazzano Badoglio. Si va avanti fino a domenica, la cena costa 13 euro, resta ancora qualche posto, si può prenotare anche online (con 1 euro di prevendita). Info: http://www.doujador2012.it/cucina/piatti-d-autore/ (Ph Constantin Pletosu)