Fotogallery

Le Sagre di Asti - Palucco, L’aratro nel tempo

Le Sagre di Asti - Palucco, L’aratro nel tempo

Si arricchisce di un raro aratro a scasso la collezione di aratri che la Pro Loco di Palucco riesce ogni anno a portare in piazza in un crescendo di tecnologia e perfezionamento della tecnica dalla quale deriva ogni coltivazione. I piatti: lingua in salsa verde e fricio (Foto Constantin Pletosu)
Sagre di Asti – Castello d’Annone,  L’alluvione del 1911

Sagre di Asti – Castello d’Annone, L’alluvione del 1911

Tema drammatico reso particolarmente bene dalla presenza di molti carrettini sui quali i sopravvissuti all’inondazione di inizio Novecento raggruppavano le poche cose salvate dalla furia della acque mentre fuggivano in cerca di posti sicuri. Piatti tipici: lasagnette della vigilia, torta dell’abbondanza (Foto Pletosu)
Sagre di Asti – Rocchetta Tanaro, Rocchetta: il suo fiume, la sua storia

Sagre di Asti – Rocchetta Tanaro, Rocchetta: il suo fiume, la sua storia

La pesca sul fiume, con pescatori e barca, le lavandaie che facevano il bucato, gli scalpellini che lavoravano la pietra di fiume, i bambini che giocavano sulla riva: il Tanaro era il cuore pulsante della vita del paese ad inizio Novecento e grazie alle sue acque era possibile anche far funzionare le macine del mulino. La proloco serve rustica ai formaggi, alborelle fritte (Foto Pletosu)
Sagre di Asti - , Mombercelli, Quando il cinema, la radio, la televisione…

Sagre di Asti - , Mombercelli, Quando il cinema, la radio, la televisione…

Tema più “moderno” quello di Mombercelli con l’esordio dei mass media nelle cascine e nelle case più benestanti. Riprodotto il rito della visione di gruppo del Festival di Sanremo al bar e la partecipazione curiosa alle prime proiezioni di film. In piazza la proloco serve Friciula con lardo (Foto Pletosu)
Sagre di Asti – Valenzani, Gli antichi mestieri

Sagre di Asti – Valenzani, Gli antichi mestieri

Materassaio e sarto: sono alcuni degli antichi mestieri manuali che sono quasi scomparsi e che si tramandavano di padre in figlio. Suggestivo il percorso della cardatura della lana, dell’imbottitura e della cucitura dei materassi. Polenta con bocconcini di cinghiale e salamini di cinghiale sono i piatti tipici. (Foto Pletosu)
Sagre di Asti – Revigliasco, Le ciliegie: la fioritura, la raccolta, il mercato

Sagre di Asti – Revigliasco, Le ciliegie: la fioritura, la raccolta, il mercato

Sfliano carri con ceste piene di rosse ciliegie a settembre (grazie ad un trucco dei volontari) e anche il pubblico delle Sagre può vedere da vicino come un frutto così piccolo potesse reggere l’economia di tante famiglie contadine. Stufato di vitellone alla Barbera con polenta sono i piatti tipici. (Foto Pletosu)
Sagre di Asti – Corsione, Al forno come una volta

Sagre di Asti – Corsione, Al forno come una volta

Le bambole di pane tornano a sfilare fra le braccia di splendide bambine di oggi che per un giorno giocano come le loro bisnonne. Sempre ricco e completo il rito della panificazione, dalla preparazione dell’impasto alla sua cottura. Il piatto forte è la torta di mele (Foto Pletosu)
Sagre di Asti – Revignano, Andùma a viè

Sagre di Asti – Revignano, Andùma a viè

Sfila il rito forse più diffuso e longevo delle campagne: la veglia nella stalla, in cui gli anziani tramandavano il loro sapere, le donne ricavamano e cucivano, i bambini ascoltavano le “storie” e fra i giovani e le giovani nascevano spesso delle relazioni sulla base di soli sguardi. Zabaglione al Moscato d’Asti e bunèt della nonna sono i dolci del paese (Foto Pletosu)
Le Sagre di Asti - Villa San Secondo, La macinazione del granoturco

Le Sagre di Asti - Villa San Secondo, La macinazione del granoturco

Sfogliatura del granoturco, trebbiatura, macinazione e cucina della polenta: ecco tutto il ciclo del mais, una delle colture più diffuse nelle valli del nostro territorio quando ogni fase della lavorazione veniva fatta rigorosamente a mano o con rudimentali macchinari. Sul piatto: carpionata di cotolette e frittatine e frittelle di mele (Foto Ago)
Sagre di Asti – Moncalvo, Il mercato del giovedì

Sagre di Asti – Moncalvo, Il mercato del giovedì

Fruttivendoli, verdurieri, la butunera, l’acciugaio e il grido del venditore di limoni: sarà un mercato a regola d’arte quello che sfilerà in piazza con decine di figuranti che rappresentano commercianti, bambini e clienti dell’affollato mercato del “giobia”. In piazza si servono sontuoso bollito misto e panna cotta (Foto Constantin Pletosu)
Le Sagre d'Asti - Serravalle, La zucca nella vita

Le Sagre d'Asti - Serravalle, La zucca nella vita

Da una parte tutto il ciclo dell’ortaggio, dalla sua semina alla cura, alla raccolta e infine alla sua cucina in svariati modi e alla sua vendita al mercato. E poi la curiosità di Serravalle: sull’ultimo carro l’esibizione della storica Banda del Cusi, dove i musicanti suonano zucche vuote. I piatti: tonno di coniglio, torta di zucca (Foto Constantin Pletosu)
Le Sagre di Asti - Chiusano, La pèssera: quando nasce un bambino

Le Sagre di Asti - Chiusano, La pèssera: quando nasce un bambino

Argomento di grande tenerezza che riporta all’attualità l’abitudine di salutare l’arrivo dei neonati con la messa a dimora di un albero. Due carri per ricordare anche la festa di tutto il paese al raggiungimento della maggiore età dei giovani. Bontà della proloco: torta di pere e frittelle di mele